Food

Evitare gli sprechi di cibo: ecco 5 consigli pratici per una cucina sostenibile

spreco di cibo

Non tutti sanno che ogni anno finiscono nel cestino circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo. Una quantità impressionante, con ricadute inevitabili sull’economia e sull’inquinamento. Eppure basta davvero poco per ridurre questo inutile spreco, partendo dalla corretta conservazione degli alimenti. Allora vediamo insieme 5 consigli pratici da applicare quotidianamente.

1. Pensare ad un menù settimanale

Pensare ad un menù settimanale è molto utile (soprattutto per chi ha poco tempo), perché permette di acquistare in un’unica soluzione tutto ciò di cui si avrà bisogno durante la settimana. Questa organizzazione, inoltre, consentirà anche di evitare di acquistare prodotti rapidamente deperibili in eccesso, rispetto alle necessità. Prodotti che finirebbero inevitabilmente nella pattumiera.

2. Fare la spesa in modo consapevole

Una volta stabilito un menu settimanale, sarà molto utile preparare una lista della spesa. Questo consentirà di non dimenticare prodotti che è necessario e che abbiamo preventivamente deciso di acquistare, ma anche di non eccedere troppo con gli acquisti. fare una spesa consapevole, però, significa anche scegliere prodotti senza troppi imballaggi, con una filiera sostenibile, magari a km zero. Se, una volta a casa, ci si dovesse rendere conto di aver acquistato qualcosa in più, meglio congelarla piuttosto che rischiare di doverla buttare via.

3. Posizionare correttamente gli alimenti in frigo

Anche la corretta disposizione in frigo aiuta ad evitare che i cibi si deteriorino in fretta. Innanzitutto è importante sapere che ogni scomparto del frigo ha una diversa temperatura: più bassa sul fondo e più alta nei ripiani superiori. Converrà quindi posizionare frutta e verdura nei cassetti, carne e pesce nei ripiani bassi, cibi cotti e avanzi al centro e in alto formaggi e yogurt. Attenzione anche ai cibi posizionati nella porta, perché subiscono un maggiore shock termico.

5. Utilizzare il contenitore giusto

Non tutti sanno che anche la scelta dei materiali dei contenitori e le pellicole utilizzate per conservare il cibo sono un grande alleato contro lo spreco, oltre che per il mantenimento delle proprietà organolettiche. Ad esempio le pellicole trasparenti non devono essere usate a contatto con cibi caldi, ma possono essere usate per avvolgere il formaggio fresco. Nella maggior parte dei casi è meglio scegliere recipienti di vetro, con coperchio ermetico, che preservano l’igiene di qualsiasi tipo di alimento ed è sempre meglio evitare i contenitori monouso.

5. Leggere bene l’etichetta

Un ultimo consiglio per ridurre gli sprechi è quello di leggere bene l’etichetta presente su tutti gli alimenti che si acquistano. Importante è saper distinguere tra “Data Limite di Consumo”, che indica effettivamente una data oltre la quale l’alimento non va più consumato, e “Termine Minimo di Consumo”, che indica soltanto la data oltre la quale l’alimento potrebbe aver perso alcune proprietà organolettiche. Proprio questa incomprensione è spesso responsabile di tantissimi sprechi che potrebbero essere evitati.

Lascia un commento