Design

Arredare casa: arrivano i mobili a noleggio!

Mobili a noleggio

Anche nel mondo del design si sta facendo largo il nuovo modello di business basato sul concetto di sharing economy (ovvero economia collaborativa), che meglio si adatta al clima di “instabilità” in cui siamo sempre più abituati a vivere oggi.

Ikea lancia l’idea del noleggio mobili

Uno dei primi brand a parlare di mobili in affitto è stato il colosso svedese, Ikea. La scelta, però, non è stata avventata: è arrivata dopo l’attenta analisi del report annuale su 22 diversi mercati/paesi. L’indagine ha rivelato una significativa trasformazione del concetto di casa (in particolare per i Millenials) che ha aperto le porte ad una possibile ridefinizione di questo spazio come “servizio”.

Come funziona il noleggio di mobili

Sono diversi i brand e le start up che hanno deciso di puntare su questa nuova economia anche nel settore dell’arredamento e del design, come l’americana Feather e West Elm, solo per citarne qualcuna. Queste aziende forniscono piani di abbonamento per mobili che comprendono diversi brand di design. Entro la fine del piano sottoscritto, il cliente può decidere di rinnovare l’abbonamento, restituire i mobili o acquistarli.

I vantaggi del noleggio di mobili

La sharing economy si è già affermata in settori come i trasporti (car sharing), il noleggio di libri, musica, film (con lo streaming) e, recentemente, anche per lo shopping di moda. Allora perché non estenderlo anche allo shopping per la casa?

Secondo le ricerche, sono tanti i vantaggi percepiti da questa modalità di fruizione di elementi d’arredo, che vanno dal noleggio di mobili a quello di trapunte, tappeti e cuscini.

Innanzitutto in questo modo ci si sente svincolati dal “peso della proprietà”: sembra infatti che non fare un acquisto per sempre sia in qualche modo rassicurante.

Lo stile di mobili a noleggio più apprezzati

La diffusione di questa nuova tendenza a considerare la casa sempre meno come un’espressione di sé, comporta anche un cambiamento nel genere dei mobili più apprezzati. I mobili a noleggio, infatti, sono sempre più standardizzati, essenziali e modulari. Cambiamento ampiamente dimostrato dall’arredo Ikea.

Dunque, al mercato standard, si sta affiancando anche un vera e propria tendenza al noleggio di mobili. Riuscirà ad affermarsi anche in Italia?

Lascia un commento