Eventi

Contemporanee, espressive e ricche di emozioni: le mostre della nuova stagione in arrivo.

L’autunno e l’inverno 2018/2019 saranno all’insegna della contemporaneità. Prepariamoci alle mostre delle nuove stagioni in arrivo!

A Roma il Chiostro del Bramante ci sorprende anche quest’anno ospitando, dopo i grandi successi di Love ed Enjoy, Dream, un vero e proprio percorso dove l’arte incontra i sogni e dove prendono vita i desideri, le speranze e le illusioni più nascoste. Evasione dalla realtà e ampio spazio al mondo dell’inconscio.

La mostra è a cura di Danilo Eccher, che definisce così il nuovo progetto: “Dream, significato di esplorazione, conoscenza ed emozione, ma anche espressione della parte più profonda dell’essere umano, è la chiave di lettura per accedere ai vasti e profondi territori dell’anima.  Tra incanto e utopia, magia e percezione, il sogno diviene elemento di riflessione e rivelazione attraverso i poetici linguaggi dei massimi esponenti dell’arte contemporanea, protagonisti della mostra Dream. L’arte incontra i sogni.”

Nella mostra sono coinvolti diversi artisti tra cui Bill Viola, Anish Kapoor, Luigi Ontani, Mario Merz, James Turrell, Anselm Kiefer. La mostra sarà disponibile dal 29 settembre 2018 al 5 maggio 2019 e l’hashtag ufficiale è #chiostrodream.

A Firenze, invece, la contemporaneità prende forma con Marina Abramović a Palazzo Strozzi. La mostra, disponibile al pubblico dal 21 settembre 2018 al 20 gennaio 2019, ospiterà le opere più famose della sua carriera dagli anni Settanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, oggetti e molto altro ancora. L’obiettivo è quello di evidenziare come l’artista ha rivoluzionato l’idea di performance, mettendo alla prova il suo corpo e i limiti propri di quest’ultimo.

A Milano invece, dal 21 novembre 2018 al 14 aprile 2019, prenderà vita The Art of Banksy. A Visual Protest al Mudec, il mondo delle creazioni di Banksy, noto artista contemporaneo ed emergente, amatissimo dalle nuove generazioni. Non sappiamo nulla sulla sua identità, rimasta sempre nascosta al pubblico, ma le sue opere parlano da sole e conferiscono all’artista una notorietà non indifferente nel mondo dell’arte contemporanea e degli street artist. La mostra si articolerà attraverso quattro sezioni, composte da 70 lavori che cercheranno di dare a Bansky una collocazione nel contesto dell’arte in generale, per la prima volta all’interno di un museo.

Queste mostre e moltissime altre ancora rappresentano la grande ricchezza dei mesi che verranno; il ritorno dalle vacanze non sarà poi così drammatico per gli amanti dell’arte!

Siete pronti a mettervi in fila per immergervi nella contemporaneità?!

Photo Credits: arte.it, pratosfera.com, mudec.it

Lascia un commento