Design

Waterscape, l’acquario preferito da Escher

Se vi piacciono i pesci e gli acquari sono la vostra passione, Waterscape è un progetto assolutamente unico nel suo genere che non potrà non sorprendervi. Abbandonate gli stereotipi delle banali vasche con pesciolini in cui vengono ricreati finti fondali con scogli, alghe, coralli o addirittura forzieri ricolmi di dobloni e lasciatevi conquistare da questi piccoli mondi subacquei che non hanno nulla da invidiare alle migliori interior design del momento.

Nati dalla mente creativa della giovane Huruka Misawa, la designer giapponese del Misawa Design Institute, queste creazioni più che acquari possono essere definiti vere e proprie opere d’arte. Non è un caso che la signorina di cui parliamo si è laureata in design d’interni presso la Musashino Art University ed ha lavorato per Nendo ed altri prestigiosi studi.

Il lavoro che è alla base della progettazione dei suoi acquari è quello dell’interazione tra “gravità e galleggiabilità”, come afferma lei stessa: uno studio ridotto all’essenziale che riesce a creare suggestioni tra pieni e vuoti, interni ed esterni, come solo architetti di grandissima fama internazionale saprebbero fare. Si parte da un semplice cubo di vetro ed ecco che lo spazio racchiuso nell’involucro trasparente si riempie di geometrie, di volumi, tra bolle, maglie reticolari e cristalli che rimandano a composizioni molecolari o suggestioni Esheriane.

Uno spazio ricco e complesso, ma minimalista allo stesso tempo e che fa della sua trasparenza l’elemento dominante, dove la natura diventa solo una citazione o, in alcuni casi scompare completamente. L’acquario come pretesto per fare design? Può darsi. Forse i pesciolini rossi vinti al luna park si sentirebbero fuor d’acqua in queste case di lusso, quindi attenzione a non perdervi con la scelta di pesci cheap: quando si parla di Waterscape c’è bisogno di pesci veramente chic, perché solo in questo modo questi acquari sapranno soddisfare gli arredatori più virtuosi ed i designer addicted più esigenti.

Lascia un commento